domenica 9 giugno 2013

Il dissesto dei Comuni solo un problema di contabilità?

"E' possibile liberare le coscienze e vivere la solidarietà". E' la risposta che in modo fortemente convinto suggerisce a Cefalù un Gesuita, padre Gianfranco Matarazzo, direttore dell'Istituto di Formazione Politica "Pedro Arrupe" di Palermo. Questo mondo ha le ore contate; i Comuni sono prossimi al dissesto, ma non è solo un problema di contabilità. Le comunità hanno dilapidato le loro risorse sia economiche che sociali perchè è stato mortificato il bene comune.
L'approfondimento del rapporto tra fede e giustizia sociale ha costituito il tema del terzo incontro del Laboratorio di Formazione Socio - Politica, organizzato dall'Ufficio diocesano della Pastorale Sociale e del Lavoro, affidato a don Calogero Falcone.
Chiediamoci - osserva padre Matarazzo - se i progetti che riguardano il nostro territorio, sfrondati dal tornaconto personale ed elettorale, hanno ancora una valenza di bene comune. Occorre fare emergere la verità di un disordine abilmente nascosto e pieno di complicità - scrivono i Vescovi in "Per un Paese solidale" - è solo quando si realizza la solidarietà che si ottiene il bene comune.
Tutto questo viene proposto dal Giornale di Cefalù di Carlo Antonio Biondo (n.1291, anno 30) in onda su Radio Cammarata in Blu domenica 9 giugno, ore 12:55 con repliche alla stessa ora lunedì 10 ed alle 12:30 giovedì 13. (Nella foto da sx, don Matarazzo e don Falcone).

Carlo Antonio Biondo